NON SOLO CANI E GATTI

Qualsiasi animale ha sempre tanto da raccontare come il lama Caramel malata di tumore che è stata operata ed è guarita.

La mia attività sul territorio a sostegno degli amici animali non è solo per i nostri animali domestici cani e gatti ove le associazioni di volontariato e i tutor operano in piena efficienza nel nostro municipio, ma anche per altre associazioni che si occupano di recuperare altri animali malati perché non più utili all’uomo e prossimi ad essere abbattuti.


Queste associazioni sono quasi tutte onlus, non ricevono fondi dal comune, non ricevono sostegno esterno, ma si auto-alimentano con la volontà di chi li frequenta e collabora con loro, di chi lascia delle donazioni libere e di volontari che mettono al servizio le proprie professionalità mediche e sanitarie per la cura degli animali.


Il centro privato “L’Anello di Re Salomone” si trova a Figino in via Lucio Cornelio Silla 100/9, Milano ed ha tante storie particolari da raccontare.

Il centro nasce dalla volontà di un medico veterinario che ha voluto dedicare il suo tempo alla cura degli animali scartati dall’uomo perché disabili o anziani e destinati alla fine, questi vengono curati e offerto loro una vita dignitosa fino alla fine.


Qualsiasi animale ha sempre tanto da raccontare come il lama Caramel malata di tumore che è stata operata ed è guarita.


L’ Anello di Re Salomone permette, anche per poche ore, di riconciliare quel rapporto uomo natura con delle passeggiate in mezzo al verde a cavallo di un pony.


La signora Arianna mi racconta infatti: “Abbiamo creato questo centro di educazione ambientale non ché centro di recupero animali in difficoltà spinti da una forte passione per tutto ciò che coinvolge l’ambiente e gli animali. Cerchiamo, nel rispetto di questi principi, di fare interagire il più possibile i bambini perché crediamo che, nelle generazioni future, debba essere instillato quel valore per preservare gli animali e la natura.


All’interno del nostro centro, infatti, tutti i week-end è possibile far interagire i bambini con i nostri animali ospiti, dando loro da mangiare, accarezzarli…e magari osservarli anche nelle loro abitudini quotidiane”
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *